Chioggia, antica città romanica, è ricca di tradizioni che, purtroppo, col passare degli anni sono andate perdute… Anche se negli ultimi decenni, grazie a persone innamorate della propria città, tali tradizioni si stanno recuperando…

Grazie al carattere coriaceo dei chioggiotti, Chioggia è sempre stata capace di risollevarsi dalle proprie ceneri, ed è stata per molti anni fucina di idee e di artisti nei più svariati campi…. La pittura, la raccolta del sale, la pesca, le pipe sono solo alcune delle innumerevoli tradizioni che hanno reso Chioggia invidiata e ammirata allo stesso tempo da Venezia a Genova, dalla Spagna all’ ‘Austria…. tutti, con alterne fortune, hanno saccheggiato Chioggia, per rubarle la ricchezza di cui godeva nei tempi antichi…. Nessuno, però, è riuscito a conquistare la città e

i suoi abitanti, fino in fondo….

Chioggia e i Chioggiotti restano per molti versi unici, anche nelle loro debolezze e nei loro difetti…

La Marciliana, che si tiene il terzo fine settimana di giugno, è una rievocazione storica della guerra tra Chioggia e Genova, con la vittoria finale dei Chioggiotti…. Ormai da qualche anno, tale manifestazione, si arrichisce di personaggi e attività ad essa collegata, che richiamano, ogni anno, sempre più turisti….. vedi link…

La Sagra del pesce, la più antica manifestazione che si protrae ormai da più di 75 anni, è probabilmente una delle tradizioni che più di ogni altra, richiama turisti a chioggia, e più di altre, proietta il turista dentro la vita dei chioggiotti…
“ Dieci giorni dedicati ai sapori del mare e della laguna e alla riscoperta delle tradizioni dei pescatori….

E’ l’evento più atteso del Veneto, che vede l’afflusso di decine di migliaia di turisti pronti a degustare i prodotti ittici e specialità della tradizione culinaria chioggiotta.”

La “Sagra del Pesce”, è, per Chioggia, l’appuntamento folkloristico-gastronomico più importante dell’anno che, nei giorni del suo svolgimento, vede un afflusso di decine di migliaia di turisti e visitatori che giungono da tutta Italia per gustare le specialità della cucina locale e per assistere ai numerosi spettacoli organizzati proprio per l’occasione. Le importanti novità che ogni anno si aggiungono alla festa donano un tono di internazionalità: la musica fa da contorno agli stand gastronomici e intercalata a rappresentazioni legate alla tradizione popolare, mostrando così una Chioggia profondamente legata alle sue tradizioni ma, al tempo stesso, che pretende un posto nel presente e proiettata nel futuro…”
Altre manifestazioni, con filo conduttore il pesce, come “La Festa del Pescatore” e quella del “Pesce Azzurro”, vengono svolte a Sottomarina, e sebbene non riscontrino la stessa popolarità della Sagra del Pesce, permettono ai turisti ed ai locali di mangiare, ancora una volta, del buon pesce ad un prezzo accessibile a tutti….
Proprio il pesce fa da padrone nelle tavole dei chioggiotti, a casa propria, e nelle innumerevoli trattorie, cicchetterie e ristoranti, più o meno blasonati di Chioggia.. Non si può non assaggiare “Le sarde in saor”, il “Pasticcio di Pesce”, Le Canocie in tutte le sue declinazioni, i Peoci o i Capparossoli, e le “ Moleche”… per non dimenticare il pesce azzurro, dalle sardine alle alici, gli sgombri, i barboni, i rombi con le patate, ecc., ecc., ecc. ….
Non solo pesce, però, perchè, bisogna ricordare di assaggiare anche il castagnaccio ( d ‘inverno ) e la smegiassa, un dolce tipico di chioggia, prodotto con la melassa, farina, pinoli e molto altro ancora…

Per conoscere le date degli eventi più popolari e importanti clicca qui….